Vincere la sfida all’overtourism

PUBBLICATO IN DATA

24 Gennaio 2020

NUMERO DI LETTORI

39

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Ci si può difendere dai rischi dell’overtourism? A questa domanda ha risposto il presidente di Enit, Giorgio Palmucci.

L’overtourism non riguarda tutte le nostre destinazioni e tutti i periodi dell’anno, ma è un tema che ci tocca da vicino. Oltre alle conseguenze sulla tutela del patrimonio artistico è un fenomeno che condiziona le motivazioni che spingono i turisti a venire in Italia e che – ha aggiunto – fa perdere quell’autenticità dell’offerta che invece dobbiamo tutelare“.

L’imperativo

Ecco perché l’imperativo è spostare i flussi nei piccoli centri e nelle aree interne. “Il fatto di avere il 60% dei nostri 55 siti Unesco in comuni con meno di 5 mila abitanti – ha sottolineato Palmucci – ci aiuta molto: abbiamo davvero la possibilità di promuovere destinazioni che non soffrono di overtourism“.

Qualcosa sta cambiando

Che l’attenzione si stia spostando sui piccoli centri lo dimostrano i dati: “Negli ultimi 5 anni il 10% delle località con meno di 10mila presenze all’anno sono passate alla classe successiva e questo prova che stiamo spostando il turismo“.

 

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…