Via dell’Amore

PUBBLICATO IN DATA

3 Dicembre 2019

NUMERO DI LETTORI

105

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Il sentiero 592-1 (SVA2), meglio conosciuto come Via dell’Amore, inizia dalla stazione ferroviaria di Riomaggiore, dove si trova una scala di accesso con rampe meccaniche che consente la fruizione anche a persone diversamente abili. Anche chi parte da Manarola trova una rampa per carrozzine che agevola l’accesso per godere dell’incantevole percorso.

Pochi passi e si è subito dalla scogliera a strapiombo sul mare.
Lungo la Via dell’Amore si possono ammirare le arenarie zonate con strati a pieghe, a ginocchio, a cerniera, le impronte di carico, di corrente e i segni dell’erosione marina.
La vegetazione esotica di agavi, pitosfori, fichi d’India e gli Ottentotti del Sudafrica si è ben adattata al clima salmastro: il finocchio di mare, il dauco marino, la violaciocca, la ruta e la rara Brassica robertiana (parente del più comune cavolo) vegetano tra le rupi più esposte ai venti. A monte, la macchia mediterranea con l’euforbia arborea, lentisco e pino d’Aleppo, riveste le rocce.

Il volo dei gabbiani e dei balestrucci accompagna la passeggiata.
L’ultimo tratto è sotto i vigneti terrazzati e sovrasta la stazione ferroviaria di Manarola. La Via dell’Amore è stata resa meno anonima dagli allievi dell’Accademia di Brera: sotto la guida del maestro Lino Marzulli, gli studenti hanno realizzato affreschi ispirati alle Cinque Terre.

La frana del settembre 2012

La Via dell’Amore ad oggi (2019) è percorribile soltanto per un breve tratto, a partire dalla stazione di Manarola. Ciò a causa di una frana avvenuta nel settembre 2012 che ha causato il ferimento di quattro turiste australiane, le quali fortunatamente si sono completamente riprese dall’incidente. L’apertura di questa prima parte del sentiero è di buon auspicio per un suo completo ripristino, anche se l’entità dei lavori di consolidamento è assolutamente importante.
Per questo motivo è stata avviata una pubblica raccolta fondi.


ATTENZIONE: il transito sul sentiero è subordinato al pagamento di un biglietto pedaggio. In alternativa si consiglia l’acquisto della “Cinque Terre Card

+INFO: cinqueterre.com

TORNA ALLA MAPPA DEGLI ITINERARI D’ITALIA

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…