Il turismo in Sicilia riparte dalle aree interne, dai borghi e dalle esperienze di comunità

PUBBLICATO IN DATA

13 Giugno 2020

NUMERO DI LETTORI

121

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Visioni, ingredienti e strumentiper ripartire dopo il lockdown, valorizzando le eccellenze dei territori e le esperienze di comunità: un webinar per ragionare di sviluppo turistico nelle aree rurali e interne della Sicilia, attraverso forme di mobilità dolce, attiva e sostenibile.

Giovedì 18 giugno una conferenza online per presentare il progetto “piccole patrie – laboratori di economia della bellezza“, che invita a ripartire dalle plurali identità territoriali, custodite con cura all’ombra dei campanili, per generare nuovi motivi di viaggio, di accoglienza, di ospitalità e di connessione tra i luoghi e le persone.

Aree interne della Sicilia

Una conferenza come un libro da leggere…

La conferenza sarà introdotta e moderata da Ornella D’Alessio, giornalista di viaggio freelance che ci ha guidato in ogni parte del mondo con i suoi scritti sempre vibranti e ricchi di storie, curiosità e aneddoti.

Saremo introdotti nel vivo del confronto da una delle voci più esperte e autorevoli del turismo in Sicilia: Filippo Grasso, docente del corso di scienze del turismo dell’Università di Messina, attivissimo autore di saggi e pubblicazioni che da tempo contribuiscono a innovare la cultura turistica di intere generazioni di operatori e amministratori.

Seguiranno i saluti e gli interventi di due vere autorità: don Gaetano Cerasolo, rettore del santuario di Santa Rosalia a Palermo e Leonardo Ciaccio, sindaco di Sambuca di Sicilia.
Il primo ci racconterà dei viaggi straordinari di Santa Rosalia, di Goethe e del camminatore solitario Damiano Cosenza, che ha percorso 24.272 km a piedi per le strade del mondo.
Il primo cittadino ci racconterà dell’iniziativa che anima il suo “Borgo dei Borghi”, dove è possibile comprare casa a un prezzo simbolico (1 euro!) a patto di impegnarsi a ristrutturare l’immobile ed a co-progettare la rinascita della comunità, anche attraverso un “albergo diffuso”.

Proseguono la narrazione i due relatori seguenti: Roberto Greco, ingegnere che ha trasportato la sua passione per il paesaggio e per l’ambiente nella professione, firmando alcuni tra i progetti di mobilità sostenibile che sono diventati modelli in tutta Italia; e Fulvia Toscano, direttrice creativa di Naxoslegge, uno dei festival più interessanti dello scenario nazionale, benché prodotto “dal basso”: nato sui libri e sulla lettura, stimola il pubblico con momenti di riflessione e dibattito, eventi spettacolari e performativi, espressi anche con altri linguaggi artistici come il cinema, la musica e la tradizione gastronomica.

Sarà Gori Sparacino, presidente delle “Strade del Vino” della Sicilia, a riportarci ai valori della terra, delle matrici rurali, delle tradizioni e delle proiezioni che il paesaggio vitivinicolo suggerisce ai nostri desideri di viaggio (oltre che ai nostri palati). Un protagonismo che in Sicilia diventa affascinante e ricco di suggestioni non solo per la storia incredibile dei vitigni e dei popoli che si sono incontrati qui, al centro del Mediterraneo, ma anche per la vivacità delle cantine che sono riuscite a conquistare i mercati del mondo, dal locale al globale.

Tradizioni siciliane

Dalle esperienze di comunità al turismo sostenibile

Le conclusioni saranno affidate al presidente nazionale di SIMTUR, Società Italiana Professionisti della Mobilità dolce e del Turismo sostenibile, Federico Massimo Ceschin, che raccoglierà gli stimoli del confronto e risponderà alle domande dei partecipanti. E racconterà le traiettorie del progetto “piccole patrie“, che invita a ripartire dalle plurali identità territoriali, custodite con cura all’ombra dei campanili, per generare nuovi motivi di viaggio, di accoglienza, di ospitalità e di connessione tra i luoghi e le persone, promuovendo l’attivismo delle comunità locali nella creazione di una rete nazionale assieme a Tour operator e Agenzie di viaggio.


L’appuntamento è per giovedì 18 giugno, ore 17, in diretta streaming sui social media, a partire dalla pagina Facebook di SIMTUR.

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…