Pnrr: digitalizzazione parchi nazionali e aree marine protette

PUBBLICATO IN DATA

22 Maggio 2022

NUMERO DI LETTORI

28

10 azioni che possono cambiare il mondo

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Tra le sei Missioni in cui il Pnrr raggruppa i progetti di riforma e di investimento, spicca la Missione 2 “Rivoluzione Verde e Transizione ecologica” e – tra le 4 Componenti in cui è suddivisa – di particolare interesse la Componente 4 con la misura M2C4 – Investimento 3.2: “Digitalizzazione dei parchi nazionali e delle aree marine protette” con una dotazione di 100 milioni di euro.

La misura mira a stabilire procedure standardizzate e digitalizzate per la modernizzazione, l’efficienza e l’efficace funzionamento delle aree protette nelle loro varie dimensioni, lungo tre assi principali:

  • Conservazione della natura – monitoraggio delle pressioni e minacce su specie e habitat e cambiamento
    climatico;
  • Servizi digitali ai visitatori dei parchi nazionali e delle aree marine protette;
  • Digitalizzazione e semplificazione delle procedure per i servizi forniti dai Parchi e dalle Aree Marine
    Protette.

Sfide e obiettivi per il futuro delle aree protette

Il documento di programmazione parte da un’analisi molto netta: “I territori interessati dai parchi nazionali e dalle aree marine protette presentano un quadro non soddisfacente di servizi fondamentali per una fruizione piena e consapevole dei luoghi protetti“.

E quindi la creazione di servizi per i visitatori su piattaforme digitali intende assicurare per il futuro prossimo una infrastrutturazione del sistema dei parchi nazionali e delle aree marine protette che funga da modello per soluzioni di fruizione e di accessibilità sostenibili che vanno ricercate nell’integrazione tra i diversi sistemi di mobilità.

Attualmente, diverse aree protette gestiscono e monitorano i flussi dei visitatori attraverso il proprio personale o con la collaborazione di guide, volontari, personale di sorveglianza. A causa della necessità di impiegare un numero consistente di personale adeguatamente formato, per molte aree protette questa funzione gestionale avviene solo in alcuni siti significativi o critici e solo per determinati periodi dell’anno. L’obiettivo posto è quindi quello di coadiuvare il personale sul territorio con sistemi innovativi e tecnologici, che assicurino anche la sensibilizzazione dei visitatori circa i valori e le fragilità ambientali dei luoghi, le informazioni sulle norme che regolano l’area protetta e sul comportamento più idoneo a garantire la compatibilità della fruizione con le esigenze di conservazione e di tutela, nonché un avvicinamento al tessuto sociale dei territori.

Il portale naturaitalia.it

Per fornire servizi digitali agli utenti, parchi nazionali e aree marine protette saranno tenuti ad utilizzare esclusivamente i sistemi digitali per i visitatori oggetto di fornitura da parte del Ministero, ovvero il portale Naturaitalia.it (attualmente ancora non fruibile), che conterrà informazioni sulla biodiversità con riguardo anche allo stato di conservazione di habitat e specie del sistema delle aree nazionali protette, da implementare attraverso lo sviluppo di una piattaforma cloud e integrato con i dati acquisiti.

Saranno gli stessi parchi nazionali e le aree marine protette ad essere responsabili dell’inserimento e dell’aggiornamento dei
contenuti informativi del portale.
Non rimane che attendere la fine del 2023 per apprezzare i risultati…

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…