Portare i bambini al museo è un viaggio d’amore

PUBBLICATO IN DATA

11 Maggio 2019

NUMERO DI LETTORI

210

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Il 18 maggio è la Giornata Internazionale dei Musei e il blog viaggiapiccoli intervista il direttore di un museo per chiedere quale sia il rapporto con i visitatori bambini.

Educare al museo

Portare i bambini ai musei è un atto d’amore

Paolo Giulierini, direttore del Museo Archeologico di Napoli, non ha dubbi: “Portate i bambini ai musei, è un atto d’amore per farli diventare cittadini più consapevoli“. Perchè? Per loro entrare in un museo sarà un viaggio fantastico: “Lì dove noi adulti vediamo reperti e storia, loro vedono particolari e storie fantastiche“.

Il museo aperto alle famiglie

Perché è il direttore di un museo “importante”, che potrebbe anche risultare “noioso” o, come dire, “freddo”, “istituzionale”… un museo che lui, invece, è stato in grado di trasformare in uno spazio aperto alla città e alle famiglie. Giulierini ha rianimato un museo tradizionale e lo ha trasformato in un museo autorevole ma pop: lo ha trasformato da “Museo archeologico” in Mann, una sigla che sembra il nome di un supereroe…

Perché portare i bambini al museo?

Educare i bimbi all’arte è un percorso necessario, non solo possibile. Ed i Musei sono spazi dell’immaginario, perché la fantasia è il primo strumento per ricollegare le dimensioni del passato e del presente. I bambini sono visitatori sorprendenti perché, spesso, scoprono significati che sfuggono all’occhio degli adulti; e scoprire, insieme ai genitori ed agli educatori, la dimensione della cultura è un viaggio d’amore, che forma cittadini più consapevoli“.

I musei italiani sono a misura di bambino?

I Musei italiani stanno ampliando da tempo la propria offerta didattica e questo impegno si riflette in una proposta culturale di qualità. In molti casi rimane il problema degli spazi (aule ed aree per laboratori e attività ludiche) e delle risorse umane impiegate nei servizi educativi: sono necessari più luoghi di incontro e un maggior numero di educatori per rispondere alle sfide del futuro“.

Laboratori didattici

Rispetto ai musei anglosassoni abbiamo molta strada da fare per catturare l’attenzione dei piccoli visitatori, ma qual è il punto di forza dei musei italiani?

I Musei italiani, per la ricchezza del proprio patrimonio, sono una miniera di suggestioni: dall’archeologia all’arte figurativa moderna, dalla produzione contemporanea alla divulgazione tecnico-scientifica, gli istituti culturali nazionali offrono al pubblico di adulti e giovani tanti temi da approfondire. Amo pensare, poi, che siano l’entusiasmo e la competenza dei nostri operatori culturali a fare la differenza“.

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…