Turismo sostenibile: 3 giorni di formazione nei Castelli Romani

PUBBLICATO IN DATA

15 Giugno 2022

NUMERO DI LETTORI

1.329

10 azioni che possono cambiare il mondo

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Saranno i Castelli Romani, nel Lazio, alle porte di Roma, la quinta tappa dei SIMTUR Camp: dal 1 al 3 luglio, tre giornate dedicate alla generazione di esperienze di turismo sostenibile ed enogastronomico, con formazione d’aula e tante esperienze di marketing territoriale, integrazione dell’offerta turistica, escursionismo e cicloturismo.

I Camp rappresentano lo strumento più evoluto e innovativo dei cataloghi formativi nazionali che SIMTUR ha generato – in collaborazione con ACT – Accademia Creativa Turismo – per disegnare corsi di alta formazione “su misura dei territori: tre giornate con formula residenziale, finalizzata a trasferire competenze e condividere esperienze per rispondere alle esigenze specifiche di comprensori, aree territoriali, «piccole patrie» e destinazioni turistiche, a partire dalle meno celebrate dai cataloghi dell’offerta.

Camp sono la novità 2022, inserita nei repertori nazionali movability e turismability, chiamati a dedicare le migliori professionalità del settore alla ripartenza del settore turistico facendo leva sulla dimensione rurale e sulle aree interne, più fragili ma capaci di rappresentare modelli di integrazione dell’offerta in grado di generare stupore, meraviglia, emozioni e sensazioni in vetta alle preferenze dei visitatori, italiani e stranieri.
Una ricerca Demoskopika – su dati internazionali e altri rilevati da Istat – ha confermato che «la pandemia ha affermato il profilo del turista sostenibile»: di fronte a questo cambiamento della domanda, come si comporteranno le destinazioni e gli operatori dei territori?
Il corso, con la sua formula intensiva, va nella direzione di indicare percorsi concreti di integrazione dell’offerta, marketing e sviluppo locale, su misura delle caratteristiche identitarie e delle vocazioni di ciascun territorio.

Turismo sostenibile montano

Benvenuti nei Castelli Romani!

Con la denominazione “Castelli Romani” si indica un insieme di paesi, borghi e cittadine dei Colli Albani, a breve distanza da Roma, in quella parte di territorio storicamente indicata come Latium Vetus: un’area di natura vulcanica, originata dal crollo del Vulcano Laziale alcune centinaia di migliaia di anni fa.

I Castelli possono essere suddivisi in diverse zone, ciascuna con caratteristiche proprie: l’area tuscolana (Colonna, Frascati, Grottaferrata, Monte Porzio Catone, Monte Compatri, Rocca di Papa, Rocca Priora) facente perno su Frascati, l’area appia o albana (Albano Laziale, Ariccia e Castel Gandolfo) facente perno su Albano Laziale e l’area lanuvina (Lanuvio, Genzano di Roma, Nemi) facente perno su Lanuvio.
Velletri e Lariano rappresentano l’area artemisia, mentre Marino indica l’anello di congiunzione tra area tuscolana e albana.

Nel territorio insistono ben 3 aree protette: il Parco naturale regionale dei Castelli Romani, il Parco naturale regionale dell’Appia e il Parco archeologico dell’Appia antica. Un unicum straordinario di storia, cultura e biodiversità che non teme paragoni ma soffre il protagonismo e l’espansione inarrestabile della vicina Capitale.
Anche in termini turistici, l’intero Lazio – che è al primo posto per numero di presenze di turisti stranieri e tra le prime regioni italiane per numero assoluto di visitatori – registra una concentrazione su Roma, che detiene una quota di mercato di circa l’84% delle presenze regionali e fatica a diventare hub di connessione e promozione di altre località e aree di grande pregio.

L’iniziativa SIMTUR è resa possibile dalla collaborazione con i Comuni di Ariccia, Genzano di Roma e Rocca di Papa – già aderenti alla «piccola patria Castelli Romani» – all’Archeoclub Aricino Nemorense e numerosi operatori economici locali.

 

Camp Castelli Romani

Il programma del Camp

Venerdì 1 luglio

  • Arrivo dei partecipanti ad Ariccia, dalle ore 10
  • Esperienza formativa viaggio nel tempo: breve corso sulla preparazione e cottura della porchetta, a cura del produttore Giorgio Leopardi presso “Porchetta Leopardi
  • Pranzo con degustazione di prodotti tipici presso la sede dall’azienda
  • FormazioneLa domanda di turismo è sostenibile: possibili risposte da parte degli operatori” (Maurizio Di Marco)
  • Introduzione al mondo della Porchetta di Ariccia IGP: “Il culto della dea Cerere e il sacrificio del maialino” (Alberto Silvestri)
  • Cena/Degustazione di prodotti tipici presso Osteria n.1
  • Escursione notturna nel borgo dalla Piazza di Corte al Belvedere, guidati da Maria Cristina Vincenti
  • Pernottamento

Sabato 2 luglio

  • Sveglia e colazione
  • Formazione: “Integrazione dell’offerta territoriale verso destinazioni turistiche omogenee” (Federico Massimo Ceschin)
  • Light lunch presso Osteria n.1
  • Esperienza formativa / viaggio nel tempo: “Il vino e la vinificazione in Grecia e nel mondo Romano” (Alberto Silvestri)
  • Breve corso di preparazione del vino a cura dell’enologo e produttore Gabriele Marconi (Cantina Marconi)
  • Escursione a piedi lungo l’Appia Antica
  • Cena/Degustazione di prodotti tipici
  • Pernottamento

Domenica 3 luglio

  • Sveglia e colazione
  • Formazione: “Le aspettative della domanda cicloturistica e la progettazione di prodotti” (Gaia Ferrara)
  • Formazione: “”Il Parco dei Castelli Romani identità nel paesaggio passato e futuro” (Emanuela Angelone)
  • Light lunch presso Osteria n.1
  • Visita guidata nel Palazzo Chigi di Ariccia, a cura del Conservatore di Palazzo Chigi, Francesco Petrucci
  • Convegno / presentazione dei risultati: “Castelli romani: destinazione omogenea e integrata di turismo sostenibile” (evento pubblico, ore 17.00)
  • Concerto dell’Accademia Musicale Ariccina (evento pubblico, ore 18:30)
  • Saluti e chiusura

Modalità di iscrizione e partecipazione

Dove non diversamente indicato, le attività si svolgeranno presso la Locanda Martorelli, Museo del Grand Tour e sede dell’Associazione Europea dei Viaggi di Goethe

La quota di partecipazione è pari ad euro 320 (escluso pernottamento).
Gli associati SIMTUR potranno partecipare versando la sola quota di iscrizione di 290 euro.

Compila in pochi minuti il semplice form on line

+INFO: telefono e whatsapp 388.3636502 (Maria Cristina)
oppure utilizza il modulo di contatto per entrare in contatto con il team nazionale.

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…