Non riesci a fare a meno di viaggiare? Potresti avere la sindrome di wanderlust

PUBBLICATO IN DATA

20 Febbraio 2019

NUMERO DI LETTORI

60

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Se da quando ti svegli al mattino, fino a quando vai a letto la sera, pensi a quale sarà il tuo prossimo viaggio, potresti scoprire di essere affetto dalla “sindrome di wanderlust”.

La sindrome, conosciuta anche come “malattia del viaggiatoreè considerata come la fissazione o l’ossessione di conoscere il mondo, come suggerisce la parola che deriva dal tedesco ‘wandern’ (camminare) e ‘lust‘ (desiderio).

È chiaro che non si tratta di una patologia vera e propria ma di un desiderio costante e irrefrenabile di cui soffrirebbe il 20% della popolazione mondiale.

La causa? Secondo una ricerca pubblicata sulla rivista Evolution and Human Behaviour la colpa sarebbe di un gene, ovvero il recettore di dopamina D4, che sarebbe più comune nelle regioni in cui si sono registrati più elevati flussi migratori.
Una teoria confermata anche da uno studio condotto da David Dobbs per National Geographic.

Sei anche tu un ‘wanderluster‘?

Come capire se sei afflitto dalla sindrome? E quali sono i sintomi di chi ne è affetto?

Anzitutto, la necessità di viaggiare, di conoscere luoghi e persone nuove – ma anche di fare esperienze insolite – spinge ad una ricerca maniacale di prezzi di voli, hotel convenienti, offerte last minute.
Se il tuo bookmark è pieno di luoghi che intendi visitare e la tua casella di posta elettronica riceve le newsletter di tutte le compagnie di volo, sicuramente sei sulla buona strada per ammettere di essere un potenziale wandeluster.

Di contorno, c’è un forte spirito di avventura, contraddistinto da scelte fatte con un pizzico di incoscienza, una buona propensione ad affrontare rischi e relazioni nuove, a partire in solitaria.
E poi c’è la passione per le carte geografiche, le mappe, le guide, i voucher e i libri che parlano di posti ancora inesplorati.
Per non parlare delle trasmissioni in TV: se osservi che all’accensione è rigorosamente posizionata su canali e programmi che raccontano viaggi e avventure, gli indizi cominciano a farsi stringenti.

La prova del nove è la posizione della valigia. Se è sempre accanto al letto, non ci sono più dubbi…

 

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…