Regione Lazio investe due milioni per la via Francigena nel Sud

PUBBLICATO IN DATA

3 Marzo 2019

NUMERO DI LETTORI

33

10 azioni che possono cambiare il mondo

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Il turismo alow: una grande opportunità di rilancio per Roma e per i Castelli Romani. Regione Lazio approva il progetto di valorizzazione della via Francigena nel sud, che da piazza San Pietro a Roma attraversa il Lazio e la Campania fino a arrivare a Brindisi, dove i pellegrini si imbarcavano per raggiungere la Terra Santa.

Si tratta di una fitta rete di sentieri boschivi, vie rurali, interpoderali e anche alcuni tratti in asfalto che, collegandosi ai santuari della cristianità, vogliono offrire ai turisti che camminano un’immagine suggestiva e naturale del territorio laziale.

«Con questo progetto – spiega il consigliere regionale Michela Califano – andremo a recuperare in maniera concreta la via Francigena, il territorio più nascosto, borghi e paesaggi poco battuti dal flusso internazionale e nazionale. Lo Stato ha stanziato 20 milioni, al Lazio ne andranno due».

Ai Castelli Romani la via Francigena nel sud attraversa i comuni di Albano Laziale, Castel Gandolfo, Ciampino, Marino, Nemi, Rocca Di Papa, Velletri, Cave, Gallicano Nel Lazio, Genazzano, Palestrina e Zagarolo. Gli itinerari del territorio sono già attivi e percorsi da centinaia di turisti.

Il percorso da Formia ai Castelli è stato tracciato nel 2006 dal “Gruppo dei Dodici” che hanno affisso la segnaletica e stipulato convenzioni con enti religiosi, agriturismi e luoghi di ristoro per permettere ai pellegrini di rifocillarsi e riposarsi.

 

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…