La Francescana: ciclostorica tra borghi, paesaggi e buon cibo dell’Umbria

PUBBLICATO IN DATA

16 Febbraio 2019

NUMERO DI LETTORI

49

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Si respira un’aria genuina nella Piazza di Foligno: ciclisti con maglie di lana coloratissime, donne con gonnellone e cappellini anni ’70 e persino ragazzini vestiti vintage affollano la partenza de La Francescana.

La Francescana è una ciclostorica, legata al Giro d’Italia d’Epoca, che ha due percorsi uno breve di 35 km e il lungo di 70 km con 1000 metri di dislivello. “Ripercorre i sentieri e i luoghi di San Francesco – racconta Giada Bollati, ideatrice e organizzatrice della manifestazione assieme al marito Luca Radi, a Cicli Clementi e tanti altri amici – dalla Piazza di Foligno dove il Santo vendette il suo cavallo per far restaurare la facciata di San Damiano, a Pian d’Arca il luogo della famosa predica degli uccelli a Montafalco dove c’è il ciclo degli affreschi francescani di Benozzo Gozzoli e così a Spello”.

Dopo la più conosciuta Eroica, La Francescana si sta ritagliando un ruolo di tutto rispetto. Il suo successo è indubitabilmente legato a una serie di ingredienti: il primo è la passione che ci mettono i tanti che la organizzano e i tanti che la pedalano. Ma a fare la parte del leone sono i borghi, le colline dell’Umbria e le eccellenze enogastronomiche che la Francescana fa degustare a tutti.

La passione per la bicicletta

Dal venerdì, la Piazza della Repubblica di Foligno si veste a festa con un mercatino di maglie, biciclette e accessori d’epoca. E con il banco degli organizzatori di fronte allo storico negozio Clementi, che accoglie gli iscritti e tutti quelli che – respirando la sana e piacevole atmosfera – decidono di iscriversi all’ultimo momento.

L’entusiasmo è palpabile anche tra gli oltre cinquecento ciclisti alla partenza. L’allegria di chi pedala si coglie ad ogni curva o salita: gruppi di amici che si sfidano chi si prende in giro nelle poche ma faticose salite perché messo a dura prova dalle bici vintage con il cambio sul telaio, ed è contagiosa. Gli addetti alla sicurezza disseminati in tutto il territorio venivano salutati e ringraziati da ogni ciclista, segno di gentilezza rilassatezza ed educazione, che dovrebbero essere sempre e ovunque le note distintive di chi va in bici.

I ristori e il territorio

Da Foligno la prima tappa è Montefalco un paesino medievale arroccato su di una collina nella cui piazza sotto un loggiato del Teatro è allestito il primo ristoro del percorso lungo. Sono le 9 del mattino e dunque il banco offre brioche fresche appena sfornate e la tipica torta locale “la rocciata”. I ciclisti arrivano e si fermano con piacere dopo una salita che superava il 10%.

Un altro ristoro è allestito nelle Cantine Caprai, pluripremiate per produrre un vino tra i più buoni in Italia. Qui oltre a degustare il vino viene servita un’eccellente zuppa di legumi che merita di essere assaggiata e assaporata di fronte ad un vigneto a perdita d’occhio che ha una strada bianca che pare dipinta ad arte dalla quale arrivano i coloratissimi ciclisti.

Ripartiti dopo essersi ben carburati, si prosegue verso Bevagna, altro incantevole borgo umbro che merita una sosta e – costeggiando le sue mura – arrivano ad un altro ristoro, allestito nelle Cantine Carapace.  Il Carapace è un’opera d’arte una scultura-scrigno di Arnaldo Pomodoro che custodisce il Sagrantino dei Lunelli.
All’esterno di questa gigantesca opera, simile ad una tartaruga, il ristoro panoramico offre altre specialità e prelibatezze locali: pane e porchetta e una zuppa di lenticchie e lumache da annaffiare con il vino della famiglia Lunelli.

Dopo l’arrivo in Piazza a Foligno, i ciclisti – con le colline e i borghi negli occhi e ogni ben di Dio nello stomaco – non vengono abbandonati al loro destino ma accompagnati ancora una volta dagli attenti e premurosi organizzatori a gustare i prodotti locali: un meraviglioso pastaparty è allestito all’interno di una Taverna adiacente la Piazza…


+INFO: www.lafrancescana.it

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…