Voglia di trekking: l’Alta Via delle Dolomiti Bellunesi

PUBBLICATO IN DATA

25 Settembre 2018

NUMERO DI LETTORI

55

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Sabato 29 settembre alle 20.30, presso la sala Guarnieri a Pedavena, sarà presentato il progetto Alta Via Dolomiti Bellunesi: un percorso in quota che, utilizzando sentieri già esistenti, consente di attraversare tutto il Parco Nazionale, da est ad ovest.

Un tracciato pensato per essere percorso in 7 giornate. Tappe e punti di appoggio sono liberamente programmabili con un unico denominatore comune: grandi dislivelli, lunghe distanze, ambienti spettacolari e sentieri lontani dal turismo di massa, alla riscoperta di una montagna che è rimasta immutata nel tempo e dove la natura si sta riprendendo spazi abbandonati dall’uomo.

Il percorso parte da Forno di Zoldo, attraversa i gruppi del Prampèr-Mezzodì, del Talvena e della Schiara, aggira i selvaggi Monti del Sole, sale sui Piani Eterni e sfila al cospetto delle imponenti cime dolomitiche del Cimonega e infine – con una lunga traversata delle Vette Feltrine – si conclude a Feltre.
L’Alta Via Dolomiti Bellunesi nasce dall’idea di un gruppo di ragazzi della Sezione CAI di Feltre, di valorizzare la Transparco: un tracciato delineato da Teddy Soppelsa nel 1994, quando il Parco era appena nato, e proposto per la prima volta come trekking guidato da Mountain Wilderness nel 1996.

Attraverso gli strumenti web, l’obiettivo del progetto è quello di portare questi luoghi all’attenzione internazionale di persone che desiderano vivere una esperienza autentica di trekking nella natura selvaggia a pochi passi dalle Dolomiti più antropizzate, promuovendo un escursionismo responsabile e rispettoso all’ambiente.

Il progetto è sviluppato con il contributo del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi, in collaborazione con le sezioni CAI di Agordo, Belluno, Longarone, Oderzo e Val di Zoldo e Feltre e con il supporto di tre sponsor tecnici del mondo outdoor: le aziende AKU, Ferrino e Karpos.
L’estate 2018 è stata dedicata alla definizione degli ultimi aspetti logistici, la tracciatura GPS del percorso, l’apposizione di targhette segnaletiche, la raccolta di materiale foto e video per la promozione.

Dal 2019 l’Alta Via sarà a pieno regime

Da poco ha aperto i battenti il sito web altaviadolomitibellunesi.it che presto si arricchirà di approfondimenti e contenuti multimediali. Sono attivi anche i canali Facebook e Instagram per seguire gli avanzamenti del progetto e scoprire i luoghi dell’Alta Via.
La serata di sabato 29 settembre, organizzata nel contesto del programma di celebrazioni per i 25 anni dalla fondazione del Parco Nazionale delle Dolomiti Bellunesi e intitolata “Cammini in quota”, è articolata in due momenti: il primo vedrà la presentazione della nuova Alta Via, con la proiezione di foto, brevi interviste e il racconto di come è nato e si sta sviluppando il progetto, mentre il secondo ospiterà Lucio Dorz che racconterà la sua esperienza sull’Alta Via Europa 2: 20.000 metri di dislivello da Innsbruck a Feltre percorsi in soli cinque giorni e mezzo.

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…