La deforestazione accelera anche nel 2020

PUBBLICATO IN DATA

1 Aprile 2021

NUMERO DI LETTORI

60

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Distrutti oltre 12 milioni di ettari di foreste tropicali, con un aumento del 12% rispetto al 2019. In Brasile il dato peggiore.

Nell’ultimo anno sono stati distrutti oltre 12 milioni di ettari di foreste tropicali, di cui 4,2 milioni di foreste pluviali rimaste finora intatte e protette. Rispetto al 2019 le deforestazioni sono aumentate del 12%, aggravando l’instabilità climatica e mettendo in pericolo la biodiversità delle aree più colpite. Secondo i dati raccolti dall’Università del Maryland e dal Global forest watch il 2020 si attesta come il terzo anno peggiore per le deforestazioni negli ultimi 20 anni.

Secondo quanto riportato dal World resources institute, la perdita 4,2 milioni di ettari di foreste pluviali ha causato un aumento delle emissioni annuali di CO2 pari a 2,64 miliardi di tonnellate, cioè quelle che produrrebbero 570 milioni di automobili, il doppio di quelle attualmente in circolazione negli Stati Uniti. Le foreste pluviali sono fondamentali per l’assorbimento dell’anidride carbonica del pianeta e la loro distruzione contribuisce ad aggravare il surriscaldamento globale. Inoltre, rappresentano la fonte di sostentamento e la casa di decine di popolazioni indigene, che vivono in simbiosi con le foreste. La loro distruzione comporta quindi anche una crisi umanitaria che riguarda il dislocamento di tutte queste popolazioni.

Il fattore che più contribuisce alla deforestazione sono i consumi dei paesi più sviluppati. Secondo quanto riportato dal Nature ecology and evolution journali soli consumi dei paesi del G7 sono responsabili dell’abbattimento di 3 alberi a persona ogni anno. In particolare, la domanda di carne, cioccolato, caffè, soia e olio di palma dei paesi più ricchi sono tra le cause principali della deforestazione delle aree vergini nei paesi tropicali.

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…