Con l’agricoltura sostenibile e biologica si cresce

PUBBLICATO IN DATA

27 Settembre 2021

NUMERO DI LETTORI

67

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Rispettando la natura aumenta il valore aggiunto dei prodotti e cresce il reddito degli agricoltori, le aziende che hanno valori comuni si associano, nascono consorzi, reti, cooperative, si raggiungono più mercati e li si affronta con un maggiore potere contrattuale.

L’agricoltura sostenibile crea lavoro e attira giovani qualificati. Non è più una scommessa, è una esperienza diffusa che ha bisogno di maggiori certezze normative e di sostegno mirato per fare dell’Italia il motore europeo del settore. Già nel biologico siamo i primi e il potenziale di crescita è enorme nel filone del Green New Deal Europeo, visto che l’agricoltura e la zootecnia sono settori chiave per la riduzione delle emissioni climalteranti, per il consumo delle acque, per la tutela dei suoli e il rilancio della biodiversità.

Acroecologia circolare

Sono queste le ragioni illustrate dal volume ‘Agroecologia Circolare’ curato da Angelo Gentili e Giorgio Zampetti. Non è un libro di denuncia ma di analisi e di proposta, che esamina le politiche europee e nazionali in atto e auspicabili, il ruolo dell’agricoltura nell’affrontare la crisi climatica e i rischi che questa determina per il comparto, la tecnologia, la chimica, le reti, l’alimentazione, le patologie come il caporalato e l’agromafia. E racconta le storie di alcuni dei tanti protagonisti della trasformazione in atto, storie vere di persone coraggiose che hanno visto giusto.

Ad esempio il miele di Valentina Capone, agricoltrice e apicultrice di Amatrice ci dice che è possibile. La lana di Sopravvissana a Ussita sui Monti Sibillini ci dice che è possibile. Ce lo dicono le barbabietole dell’Azienda Canetti in provincia di Ferrara, l’olio dei fratelli Franci in Val d’Orcia, il latte della Palazzetto e della Carioni nelle campagne di Cremona, i melograni della Kore in Sicilia e le arance della Copam nella Piana di Sibari.
Aziende di pochi ettari e aziende di centinaia di ettari testimoniano che con l’agricoltura sostenibile e biologica si mangia e si cresce.

[Contributo di Marco Panara per La Repubblica]

All’amore per la terra e il per cibo che ci consente di guardare con fiducia al futuro, SIMTUR e Italia Bio hanno dedicato il Manifesto BioSlow.

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…