PUBBLICATO IN DATA

1 Dicembre 2022

NUMERO DI LETTORI

90

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Approvate dalla Fondazione con il Sud 11 iniziative – sostenute con oltre 4,6 milioni di euro – che avvieranno nuove modalità di trasporto e rafforzeranno la cultura della mobilità sostenibile, offrendo soluzioni alternative all’impiego delle auto private con particolare attenzione alle persone con fragilità. Carlo Borgomeo: «Al centro di questi progetti c’è un aspetto che ci interessa particolarmente, oltre a quello della sostenibilità ambientale, ovvero quello della sostenibilità sociale, dell’attenzione alle necessità e al benessere di chi vive in contesti o situazioni difficili».

Nuovi mezzi elettrici e sostenibili da noleggiare per spostarsi, stazioni di ricarica, percorsi pedonali sicuri e visibili, consegne a domicilio e visite turistiche all’insegna della mobilità sostenibile.

Sono gli 11 progetti selezionati dalla Fondazione Con il Sud attraverso il bando per la mobilità sostenibile, per incentivare e sostenere la diffusione, nelle abitudini e nei comportamenti dei cittadini, di una nuova cultura della mobilità, con l’obiettivo di incoraggiare l’adozione di scelte alternative alle attuali forme di trasporto privato, favorendo la diffusione di modelli a basso impatto ambientale con ricadute positive sulla qualità di vita anche a livello sociale ed economico.

Quattro progetti saranno avviati in Campania (province di Napoli, Avellino e Caserta), 3 in Puglia (province di Lecce, Brindisi e Foggia), 2 in Sicilia (provincia di Ragusa, Caltanissetta e Enna), 1 in Calabria (province di Crotone e Catanzaro) e 1 in Sardegna (Olbia). Le iniziative saranno sostenute complessivamente con oltre 4,6 milioni di euro.

Grazie ai progetti saranno avviati servizi di vehicle sharing, con noleggio di auto, monopattini, motorini, van elettrici con autista; stazioni di ricarica; sarà possibile prendere bici in comodato d’uso o attivare dei noleggi a lungo termine; verranno attivati servizi di trasporto pubblico a chiamata per ridurre l’isolamento di aree interne o migliorare la raggiungibilità dei luoghi di studio, lavoro, svago; saranno promossi percorsi pedibus nel tragitto da casa a scuola per i bambini; sarà potenziata la mobilità pedonale migliorando il sistema di segnalazione e l’accessibilità di percorsi a piedi vicino a stazioni, scuole, centri storici. I vari servizi saranno utilizzabili nella maggior parte dei casi grazie a piattaforme digitali e app che permetteranno anche di costruire percorsi di spostamento che integrino l’offerta del trasporto pubblico.

I servizi di mobilità sostenibile favoriranno una migliore accessibilità a luoghi di interesse strategico dal punto di vista educativo, culturale, sportivo. Nelle aree interne, invece, permetteranno di rafforzare il servizio offerto dal trasporto pubblico locale.

Lesmos e la Città di Lecce, con SIMTUR

Mezzo milione di euro per finanziare e incrementare la mobilità sostenibile a Lecce: a tanto ammonta quanto assegnato al progetto Lesmos (LeBike Sharing Mobility System), redatto da un partenariato con capofila l’associazione Ruotando (Ciclofficina popolare Knos Lecce) e il Comune di Lecce, SIMTUR insieme ad altre realtà del territorio (Asl Lecce, Università del Salento, Camera a Sud, Poiesis Aps, Laboratorio comunale per l’accessibilità).

Al progetto saranno assegnate in totale risorse per 499mila euro per la realizzazione di attività e infrastrutture destinate a contribuire ad un cambiamento culturale sull’utilizzo dei mezzi in sharing mobility nella città di Lecce: il progetto prevede l’installazione di tre nuove stazioni del servizio di bike sharing in sede fissa, di 15 stalli ciascuna, predisposte per i mezzi elettrici e l’acquisto di un nuovo parco bici inclusivo: 10 biciclette tradizionali, 20 bici elettriche a pedalata assistita, 7 cargo bike elettriche a pedalata assistita (utilissime per il trasporto della spesa o di altri carichi), 3 hand bike destinate a persone con disabilità motorie e 3 tricicli.
La localizzazione delle nuove stazioni sarà individuata attraverso un percorso partecipativo che ne massimizzi l’efficacia ai fini della elaborazione di nuovi PSCL (Piani di spostamento casa-lavoro) da parte di enti pubblici come il Comune, la Asl e Università del Salento.

Le sei stazioni di bike sharing già esistenti saranno elettrificate per adattarle al nuovo parco mezzi, per incrementare la capillarità del servizio a livello urbano e differenziare l’offerta della flotta, includendo nella fruizione dei servizi anche le persone con disabilità motoria o i cittadini che preferiscono utilizzare bici a pedalata assistita. I nuovi servizi saranno fruibili attraverso l’app Bicincittà, appositamente implementata.

Il progetto prevede inoltre attività di promozione della mobilità alternativa e attività di progettazione e installazione di un sistema di segnaletica sui percorsi ciclabili esistenti in città. Nella redazione di Lesmos sono stati coinvolti per parte del Comune gli assessorati alla Mobilità, al Welfare, ai Lavori Pubblici e il Laboratorio comunale per l’accessibilità.

«Mobilità sostenibile in sharing e inclusione sociale sono i due assi sui quali viaggia questo progetto che Fondazione con il Sud ha scelto di finanziare – ha dichiarato il sindaco di Lecce Carlo Salveminie che è stato redatto nell’ambito della positiva e proficua collaborazione tra le istituzioni e le realtà che in città sono impegnate a promuovere nuovi modi di vivere la mobilità urbana e a sperimentare pratiche di inclusione, inserimento, sostegno nei confronti di persone in condizioni di fragilità».

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…