Mims: verso un nuovo modello di mobilità

PUBBLICATO IN DATA

10 Maggio 2022

NUMERO DI LETTORI

91

Scuola di turismo rurale

NOTIZIE PER CATEGORIE

eBook "Piccole Patrie"

Profili professionali

Board nazionale degli Itinerari, delle Rotte, dei Cammini e delle Ciclovie
CONDIVIDI

Il ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili ha indicato le azioni da intraprendere per incoraggiare e sostenere la mobilità locale sostenibile: previste anche attività formative e un rafforzamento della funzione di mobility manager.

Aumento di almeno 10 punti percentuali del ricorso a sistemi di mobilità sostenibile e calo del tasso di motorizzazione, riduzione della congestione nelle principali aree urbane, riduzione delle emissioni di gas climalteranti e di inquinamento dell’aria. Sono alcuni degli obiettivi da conseguire entro il 2030 per rendere la mobilità locale sostenibile, indicati nel rapporto Verso un nuovo modello di mobilità locale sostenibile del Ministero delle Infrastrutture e della Mobilità Sostenibili.

Il documento descrive una situazione caratterizzata da una bassa domanda di mobilità urbana sostenibile nelle grandi città italiane, in particolare Roma, Palermo e Torino, ancora molto congestionate nel confronto con città europee di pari dimensioni, a causa dell’elevato tasso di motorizzazione. Inoltre, la qualità del servizio pubblico locale è piuttosto bassa, in particolare in alcune regioni del Centro e del Mezzogiorno.

«È necessario stimolare l’uso del trasporto pubblico, ancora molto basso soprattutto nel Mezzogiorno e nelle aree suburbane e periurbane, dove la qualità del servizio è insoddisfacente e c’è una maggiore propensione a ricorrere all’auto privata – ha dichiarato il ministro Enrico GiovanniniUna recente indagine dell’Istat mostra segnali di un’inversione di tendenza, e bisogna cogliere il momento. È perciò necessario stimolare la domanda di mobilità sostenibile, come il governo ha fatto di recente introducendo il bonus sugli abbonamenti, disincentivare l’uso dell’auto e creare piattaforme digitali per facilitare la pianificazione degli spostamenti e la scelta dei mezzi, anche in base alle emissioni inquinanti e climalteranti prodotte. Ma è necessario rivedere anche la regolazione del settore».

Gli obiettivi del rapporto

  • aumento di almeno 10 punti percentuali del ricorso a sistemi di mobilità sostenibile e calo del tasso di motorizzazione
  • riduzione della congestione nelle principali aree urbane
  • riduzione delle emissioni di gas climalteranti e di inquinamento dell’aria
  • dimezzamento del divario territoriale in termini di accessibilità, efficienza e qualità del trasporto pubblico
  • miglioramento dell’accesso ai mezzi pubblici e della soddisfazione dell’utenza
  • sostituzione totale degli autobus di classe inferiore a Euro 5 e transizione verso veicoli a emissioni zero in linea con gli impegni di decarbonizzazione del settore
  • diffusione dell’approccio Mobility as a Service (MaaS)

Come raggiungere gli obiettivi

Tra gli strumenti per raggiungere gli obiettivi indicati, il rapporto indica incentivi (monetari e non) per favorire il ricorso al trasporto pubblico locale o altre forme di mobilità sostenibile, disincentivi (monetari e non) all’utilizzo del mezzo privato, campagne di comunicazione, strumenti di pianificazione che evitino picchi di congestione della viabilità.

E poi maggiori finanziamenti al traporto pubblico locale, investimenti infrastrutturali su tram, metropolitane e ferrovie urbane, più intermodalità, ciclovie e percorsi ciclopedonali, sostituzione dei mezzi più inquinanti con quelli elettrici o a idrogeno, piattaforme digitali per integrare i servizi di mobilità.

Previsto un rafforzamento della funzione del mobility manager e un maggiore ruolo delle città che fungono da principale «attrattore» di mobilità nelle aree vaste e il miglioramento delle capacità di analisi della mobilità e della pianificazione dell’offerta da parte di città e regioni, anche sfruttando la maggiore disponibilità di dati disponibili (grazie alla bigliettazione elettronica e alle fonti meno convenzionali), investimenti sulla formazione del personale e forme di supporto tecnico orizzontale (attraverso un maggior coordinamento tra regioni e città) e verticale (con la previsione di unità di supporto dedicate presso il ministero).


Per approfondimenti, scarica il Rapporto

Rapporto "Verso un nuovo modello di mobilità sostenibile"

Condividi con amici e follower...

SEMPRE INFORMATA/O!

Per rimanere aggiornata/o sulle novità di SIMTUR (eventi, progetti, attività, notizie dai territori), non dimenticare di seguire la pagina Facebook.
Il bottone “Mi piace” è importante ma non più sufficiente: è necessario cliccare sui 3 puntini e spuntare la voce “Segui“.

Segui SIMTUR su Facebook

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER!

E’ sufficiente inserire l’indirizzo e-mail nell’apposito modulo e accettare la privacy policy per iniziare a ricevere la newsletter di SIMTUR.
Se ti fa piacere, puoi anche iscriverti al canale Telegram. È gratis e puoi annullare l’iscrizione in qualsiasi momento, senza impegno…

notizie connesse…